loading...
Blog

Metti le dita in questa posizione, e guarda cosa accade al tuo corpo:Sorprendente

o toga aiuta tantissime persone a ritrovare l’equilibrio psichico che spesso viene perso nella quotidianità a casa dello stress quotidiano a cui ci si sottopone di continuo. Oggi vi parleremo in particolare di una tecnica nota come mudra: originaria dell’India. Con questa tecnica, riuscirete a mettere le mani in posizioni che vi aiuteranno a rilassarvi e a ritrovare il benessere.

1- La posizione Surya Mudra: Per la digestione, perdita di appetito e per combattere la febbre.

 

 

2. Quando UNISCI palmi delle mani avrai una migliore circolazione sanguigna.

 

 

 

3- Massaggiare il palmo, inspirare ed espirare tre volte. Il palmo è collegato alle emozioni e sentimenti.

 

4 Se si preme il mignolo per 5 minuti, questo può aiutare a controllare il nervosismo, stress e perdita di autostima.

 

 

5. Premi il tuo anello per bene e si potrai ritrovare rapidamente la compostezza.

 

 

6- Per combattere la noia e la rabbia, premere il dito medio.

 

7- Premere il dito indice in modo che Questo ti aiuti a controllare  la delusione e la vergogna. Questo può anche aiutare a controllare gli spasmi muscolari.

 

 

8. Infine, il pollice. Premere il pollice e così la vostra ansia ed emicrania spariscono!

 

Pita fatta in casa: ecco la ricetta del pane morbido da cuocere al forno o in padella

La pita è un tipo di preparato da forno a metà fra la pizza e il pane che con la sua morbidezza conquisterebbe chiunque. La sua preparazione è semplice e in questo video potrete seguirne ogni passaggio. Gli ingredienti sono: 250 grammi di farina 0, 2 cucchiaini di lievito istantaneo, mezzo cucchiaino di sale, un pizzico di zucchero. Una volta unite tutte le farine e amalgamate un po’, potete versare tutto in un’impastatrice (o una ciotola capiente per lavorare il tutto a meno), aggiungere un cucchiaio di olio vegetale, 250 ml di acqua tiepida e cominciare a lavorare l’impasto.

 

 

 
Per i passaggi successivi sarà sufficiente seguire il video, ma ricordate: la pita dev’essere cotta prima da un lato e poi dall’altro e potrete usare tanto il forno quanto una comune padella!

Se hai il nervo sciatico infiammato prova questo rimedio casalingo

Il nervo sciatico è uno dei grandi nervi del corpo. Inizia nella parte inferiore della colonna vertebrale, attraversa i glutei e arriva giù fino all’arto inferiore al piede. Questo nervo fornisce il movimento e forza nelle gambe.

Circa il 40% della popolazione mondiale soffre di sciatica a un certo punto della loro vita. La sciatica è una condizione che può causare dolore, intorpidimento, formicolio e debolezza degli arti inferiori, ma è spesso scambiata per il mal di schiena o addirittura per crampi alle gambe. Si inizia come una pressione o pizzico sul nervo, e poi continua come un dolore lungo la schiena alle gambe.

È possibile sperimentare un dolore lieve e intorpidimento, oppure un dolore forte ed una sensazione di bruciore estremamente fastidiosa che colpisce un lato del corpo. Il dolore e il disagio possono richiedere alle persone di rimanere a letto, e la maggior parte di loro spesso prenderono ibuprofene o qualche altro farmaco per alleviare il dolore. Tuttavia non possiamo prendere farmaci in continuazione perché gli effetti collaterali saranno più gravi di ciò che effettivamente vogliono curare, vedi infatti l’articolo L’Ibuprofene Uccide Migliaia Ogni Anno, Qual è l’Alternativa?

Ecco otto metodi naturali per curare l’infiammazione e alleviare il dolore della sciatica

1. Agopuntura

Questo trattamento alternativo comporta l’inserimento di aghi sottilissimi in punti precisi del corpo. L’agopuntura aumenta il flusso di energia e contribuisce al corretto funzionamento dei nervi. Si dovrebbe sentire un subito sollievo dopo il primo trattamento, ma per risolvere il problema completamente possono essere necessarie alcune sedute. Sempre più persone si affidano a questa medicina antica dell’agopuntura che risulta efficacissima nel trattamento di varie condizioni di salute, come alleviare emicranie, stimolare il flusso linfatico, sciogliere lo stress e aiutare a smettere di fumare.

2. Chiropratica

Gli aggiustamenti chiropratici sono molto efficaci nel trattamento di sciatica. La manipolazione della colonna vertebrale effettuata dal professionista è in grado di ripristinare la mobilità, migliorare la funzione, ridurre l’infiammazione, diminuire il dolore, e promuovere la guarigione naturale.

3. Impacchi di ghiaccio

Gli impacchi di ghiaccio, o un semplice pacchetto di piselli surgelati avvolti in un asciugamano, può fare miracoli per fornire sollievo immediato per la sciatica. Applicare l’impacco direttamente sulla zona interessata per 20 minuti, ogni due ore, fino a quando il dolore è completamente sparito.

 

 

 

4. Caldo-freddo

Impacchi di ghiaccio sono un modo sicuro per ottenere un sollievo immediato, ma il nervo sciatico si trova in profondità nel corpo, per cui gli impacchi non possono andare raggiungere dove si trova l’infiammazione Applicare un impacco caldo, subito dopo la borsa del ghiaccio, o meglio ancora, fare un bagno caldo. Alternando le temperature, si può aumentare il flusso di circolazione sanguigna e linfatica. Ciò consentirà di ridurre l’infiammazione più profonda e di aiutare il processo di guarigione. Per ottenere risultati ancora migliori, aggiungere alcuni sali di Epsom o erbe anti-infiammatorie (come basilico tulsi, boswellia, rosmarino, artiglio del diavolo) o oli essenziali nella vasca bagno.

5. Stretching leggero

Quando si lotta con la sciatica, muoversi è probabilmente l’ultima cosa che viene in mente. Ma è importante essere attivi, altrimenti il dolore può durare più a lungo. Fare stretching o yoga leggero possono davvero migliorare il processo di guarigione dato che sono in grado di stimolare il flusso sanguigno, rafforzare i muscoli della schiena e migliorare la mobilità.

6. Massaggio

Il massaggio profondo o la digito-pressione hanno mostrato un grande successo nel trattamento di spasmi muscolari, dolore e intorpidimento delle gambe e dei piedi. Usare anche degli oli da massaggio e oli essenziali migliorerà i risultati.

7. Erbe e oli

La natura fornisce molte erbe che hanno effetti benefici, e molte di loro possono aiutare ad alleviare il dolore e ridurre l’infiammazione. Si possono trovare sotto forma di capsule, pomate, unguenti e oli. È anche possibile fare le tisane di erbe fresche o secche, o utilizzare le tinture per alleviare il dolore. Ma se si assumono per uso interno assicurarsi di consultare il proprio medico o un erborista professionista, perché alcune erbe possono interferire con i farmaci che magari stai prendendo.

Di seguito è riportato un elenco di alcune erbe che è possibile utilizzare per trattare il dolore  e l’infiammazione del nervo sciatico e migliorare la salute dei nervi:

  • Artiglio del diavolo
  • Curcuma (combinarla con pepe nero per aumentare la sua biodisponibilità)
  • Arnica
  • corteccia di salice bianco
  • Scutellaria lateriflora
  • Iperico
  • Radice di verbasco
  • Camomilla romana
  • Salvia sclarea
  • Lavanda
  • Tilia
  • Liquirizia
  • Olio di Peperoncino
  • Pulsantilla

8. Sonno

Ultimo, ma non meno importante, cercare di dormire a sufficienza. In tal modo, questo darà ai nervi e al corpo il tempo di rilassarsi, guarire e ripristinare l’equilibrio. Il sonno extra e il riposo aiuteranno a ricostruire e rafforzare i nervi.

Questi rimedi complementari e alternativi possono essere molto efficaci nel ridurre notevolmente il dolore, spasmi, intorpidimento, e crampi.

Se i sintomi e il dolore durano più di un paio di settimane, assicurarsi di consultare un professionista come osteopata o chiropratico, in quanto vi è la possibilità che si dispone di una vertebra dislocata, o qualche altra condizione che causa la pressione sul nervo.

FONTE

Questa donna dà alla luce due gemelli – 4 anni dopo, li guarda e scopre qualcosa che non aveva mai notato!

Nel novembre del 2015, Brandie, una giovane madre di Lakeside, California, ha condotto un piccolo esperimento con i suoi due gemelli. In seguito ha scoperto qualcosa che non avrebbe mai potuto immaginare, e ha deciso di condividerlo in un post su Facebook.

Il messaggio è subito diventato virale, ottenendo migliaia di condivisioni. È un monito importante per tutti noi, ma soprattutto per i genitori di bambini piccoli. Leggete il suo messaggio super acclamato!

“Oggi ho fatto un esperimento. Ho guardato i miei bambini che stavano giocando. Mi sono seduta in un angolo e ho iniziato ad osservarli per cercare di capire quante volte mi guardassero: per capire se avessi notato qualche loro trovata particolare, in cerca di conferma o disapprovazione, e per vedere le mie reazioni. Non ho potuto non pensare a cosa sarebbe successo se invece di guardarli me ne fossi stata seduta con il mio telefono o altri dispositivi elettronici.”

Bron: Brandie Johnson

Bron: Brandie Johnson

“Per 24 volte i miei angeli si sarebbero chiesti se internet era più importante di loro. Per 24 volte i miei bambini non avrebbero ricevuto l’attenzione di cui avevano bisogno. Per 24 volte si sarebbero sentiti soli. Per 24 volte avrebbero pensato che la persona con cui parlavo online fosse piu’ importante.”

Bron: Brandie Johnson

Bron: Brandie Johnson

“In un mondo in cui le conferme non vengono realmente da quanti follower o apprezzamenti si ricevono, in un mondo in cui il tempo di qualità con i propri cari è sostituito dall’isolamento e dai messaggi di testo. Quindi mi appello a voi, chiedendovi di avere il coraggio di essere diversi.”

Bron: Brandie Johnson

Bron: Brandie Johnson

“Sbarazzatevi di internet e trascorrete più tempo con i vostri amici e famigliari. La prossima generazione conta sul fatto che noi insegnamo ai nostri figli a diventare adulti. Non trascorrete troppo tempo sui social, non si sa mai chi vi sta osservando e quali segnali voi gli state inviando.”

Bron: Brandie Johnson

Bron: Brandie Johnson

Il messaggio di Brandie è semplice ma importante. Noi siamo certamente d’accordo con lei, soprattutto quando dice che è essenziale trascorrere il nostro tempo con i nostri cari quando sono con noi, invece di farlo al telefono o al computer. C’è tempo anche per quello.

Pensiamo che il post di Brandie sia un ottimo monito, quindi condividetelo con i vostri amici se siete d’accordo con noi!

FONTE

Ecco i 19 alimenti più sani da dare al tuo cane e quali invece devi assolutamente evitare

Sono sicuro che molte persone non sanno come nutrire il proprio cane. Ecco una semplice passeggiata nel parco che ti lascerà senza parole… la gente dà da mangiare di tutto al proprio cane…

Una volta ho visto una persona dare al suo cane delle caramelle, così ho deciso di avvicinarmi a lei (anche se di solito non sono abituato a fare questo tipo di cose).

Gli ho spiegato quanto sia pericoloso dare delle caramelle al cane e che questo gesto avrebbe potuto provocargli un’insufficienza epatica. La signora se ne stava lì ad ascoltarmi, ma proprio quando pensavo avesse capito tutto, mi dice: “Fatti gli affari tuoi. Non dirmi cosa devo dare da mangiare al mio cane.”

Già, è proprio così, quando cerchi di aiutare le persone, molto spesso loro sono scortesi con te.

Ero così nervoso che mentre stavo rientrando a casa ripetevo a me stesso che quella sarebbe stata l’ultima volta nella quale avrei aiutato qualcuno.

Quando rientrai a casa e vidi il mio bellissimo Golden Retriever, tutto svanì.

E’ più forte di me, non riesco a smettere di informare le persone su come alimentare in modo sano i propri cani.

Bene, questo è per quello che fa per voi amanti dei cani, questo articolo ti chiarirà un po’ le idee su cosa devi dare da mangiare al tuo cane, cosa gli fa bene e cosa devi evitare di dargli mangiare, così che avrai la certezza di avere un cane sano nella tua casa.

Cominciamo…

Cocco & olio di cocco

olio di cocco

Il cocco è costituito da una catena di acidi grassi buoni chiamato acido laurico, e quando i cani e gli esseri umani sintetizzano l’acido laurico produce un composto chiamato monogliceride mono laurico. Questa sostanza aiuta a combattere e distruggere i virus e i vari batteri patogeni, proteggendo così i tuoi animali domestici da infezioni e aiuta a rafforzare il loro sistema immunitario. Inoltre, il cocco contiene albumina, che è una proteina idrosolubile presente in molti tessuti animali e liquidi.

Molte malattie e disturbi, come infezioni da lieviti, cattivo odore del pelo, ferite infette, e persino zampe incrinate, possono essere curate con un solo vasetto di “olio vergine di cocco”. Quando tutti i tipi di rimedi hanno fallito, allora è il momento di provare questo miracoloso rimedio naturale per il tuo cane. L’olio vergine di cocco non è raffinato e può essere utilizzato sia per cani che per gli esseri umani. L’olio di cocco può aiutare a ridurre i rischi di cancro, inoltre, migliora la digestione del tuo cane e diventa la medicina per la maggior parte dei disturbi digestivi.

Con l’olio di cocco puoi tenere sotto controllo la funzione tiroidea, potrai rendere il pelo del tuo cane liscio e lucido, oltre che sano e con una pelle morbida. Attraverso l’uso dell’olio di cocco possono essere o ridotte al minimo le infezioni fungine, artrite e dolori simili. Il cocco e l’olio di cocco può anche bilanciare il metabolismo del tuo cane e mantenere il peso sotto controllo. Se non riesci a far assumere l’olio di cocco al tuo cane mischialo con il suo cibo.

Burro di arachidi (informazioni contrastanti LEGGERE ATTENTAMENTE)

E’ stato per anni uno dei trattamenti più comuni per i cani. E’ raccomandato da molti professionisti come spuntino sano e salutare e si aggiunge ai centinaia di prodotti per il trattamento del cane. Non solo è una buona fonte di proteine, ma contiene anche grassi sani per il cuore, vitamina B, la niacina e vitamina E. Ma qualche informazione dimostra che potrebbe essere pericoloso sia per i cani che per gli esseri umani. Anche se non ho sentito mai parlare di cani che hanno un problema con il burro di arachidi, voglio condividere quello che ho trovato.

Si dice che la maggior parte del burro di arachidi contenga aflatossine, che siano naturalmente presenti micotossine prodotte da un fungo chiamato Aspergillus. Si tratta di sostanze cancerogene che provocano il cancro. E’ stato dimostrato di essere tossico per il fegato, e sono noti dei casi in cui è stato riscontrato il cancro al fegato negli animali da laboratorio.

Carne magra

La carne è il cibo preferito di ogni cane, ma sappiamo tutti che non si può dare solo la carne al proprio cane. La carne magra è altamente benefica, però molti veterinari hanno migliorato questa carne.

Spesso pollo, maiale o manzo senza grasso visibile hanno condimenti o salse aggiunte. Con questo, darai una proteina di qualità in più al tuo cane. La carne magra è una grande fonte di aminoacidi e vitamine del gruppo B. Queste vitamine aiutano a dare e mantenere energia al tuo cane.

 

 

 

Fegato

Proprio come la carne magra, il fegato può anche essere utilizzato come sostituto di un pasto. Lo si può trovare nella maggior parte dei negozi di animali in forma liofilizzata. Inoltre, è possibile acquistarlo fresco nei negozi di alimentari. Il fegato fresco può essere cucinato e cotto. E’ conosciuto come una grande fonte di vitamine del gruppo B, A e vitamina K, inoltre contiene ferro.

Attenzione: troppo fegato è tossico per il tuo cane. Limita la quantità di fegato che dai al tuo cane, non più di 1 gr. di fegato fresco al giorno, per Kg. di peso corporeo.

Salmone e Tonno

salmone e tonno

Il pesce è un’incredibile fonte di acidi grassi omega 3. Lo sapevi che questi acidi grassi mantengono il pelo del tuo cane lucido e sano? Bene, ora lo sai.

Nutrendolo con salmone e tonno supporterai il sistema immunitario del cane. Se vuoi puoi anche aggiungere dell’olio di salmone al suo cibo. Il tonno è conosciuto per essere lo spuntino dei gatti, ma tu lascia perdere quegli stereotipi e dai al tuo cane questo sano pasto. E’ ad alto contenuto di proteine, vitamine e acidi grassi omega 3.

Uova

Le uova sono un altro ottimo spuntino sano. Al tuo cane darai un’ulteriore spinta di proteine.

Formaggio e ricotta

Prima di aggiungere questo snack alla dieta, assicurati che il tuo cane non abbia intolleranze al lattosio. Il formaggio è ricco di grassi, quindi opta per qualcosa che ha un ridotto o un basso contenuto di grassi. La ricotta sarebbe la scelta migliore. Ha un alto contenuto di calcio e proteine.

Yogurt greco & Kefir

Come formaggio ha un alto contenuto di calcio e proteine. Nutrilo solo con yogurt che non contenga zuccheri aggiunti o dolcificanti artificiali. Lo yogurt senza batteri attivi sono buoni per il sistema digestivo del tuo cane.

Farina d’avena

Il tuo cane ha bisogno di fibre. La farina d’avena è un ottimo alimento per soddisfare questa esigenza. E’ fantastica per i cani più anziani che soffrono di problemi di costipazione. Se il tuo cane è allergico al grano, la farina d’avena è un ottimo sostituto. Cuoci la farina d’avena prima di servirla al tuo cane.

Patate dolci

Le patate dolci sono un alimento sicuro per il tuo cane. Sono una grande fonte di vitamina B6, vitamina C, beta-carotene e manganese. Spesso le uso come trattamento gommoso per il mio cane. Le affetto e poi le disidrato.

Popcorn

popcorn

Stare seduto a casa e guardare un film può essere davvero idilliaco se condiviso con una ciotola di popcorn e il tuo fedele amico.

Se vuoi che il tuo cane si unisca al tuo sfizioso spuntino, cucina i tuoi popcorn in casa senza l’aggiunta di burro e sale. Saranno gustosi anche per lui e avranno un basso contenuto calorico. Cosa c’è di meglio? I popcorn contengono minerali di potassio, calcio, magnesio e fosforo.

Semi di lino (olio o lavorato)

I semi di lino sono un’altra grande fonte di acidi grassi omega-3. Come ho già detto prima, questi acidi sono ottimi per la pelle e il pelo del tuo cane.

I semi di lino interi sono abbastanza sani per il tuo cane, l’olio di lino è una migliore fonte di acidi omega-3, poiché sono più concentrati anche se però non contengono fibre. Conserva l’olio di semi o i semi in frigorifero, in un contenitore ermetico scuro.

fonte

Sei stanco di bollire uova? Perché non le cuoci in forno? Qui ti mostriamo come fare!

Mangiare le uova è molto salutare e inoltre sono molto versatili. Le uova possono essere usate come snack, da aggiungere all’insalata e, naturalmente, le puoi colorare per Pasqua. Ma per cucinare uova sode è richiesto molto impegno.

Se conti di cucinare molte uova in una volta, dovrai cercare una grande pentola, aspettare che bollano, colare l’acqua e controllare costantemente il processo.

Esiste un modo più semplice e comodo: cuocere le uova nel forno!

Hard-Boiled-Eggs

L’idea di cuocere le uova col guscio a prima vista potrebbe sembrare strana, ma è un ottimo modo per cucinare molte uova in una volta. Usando gli stampi per i cupcakes, puoi preparare contemporaneamente fino a trenta uova in un colpo solo.

Finished-Hard-Boiled-Eggs

Credit: rumble.com

Durante la preparazione delle uova non è necessario girarle: vengono completamente cotte su tutti i lati. Preriscalda il forno a 180 gradi e cuoci per 20 minuti.
Buona fortuna!

Il dolore e l’infiammazione del ginocchio spariscono in pochissimo tempo con questi antichi rimedi naturali

Le ginocchia sono un punto molto importante del nostro corpo, che troppo spesso trascuriamo. Le ginocchia sostengono il nostro peso, ci aiutano a camminare, ci permettono di muoverci.

Con il trascorrere del tempo queste articolazioni però possono usurarsi e dare dolore, rendendoci dificile compiere anche i gesti più semplici. Inoltre si possono verificare delle patologie a carico delle ginocchia, ad esempio ci si può ammalare di artrite o di osteoartrosi.

Sono tante altre le condizioni che possono provocare danni alle ginocchia: ad esempio il sovrappeso, o al contrario un’attività sportiva troppo intensa.

Ogni caso va analizzato a sé con il proprio medico curante per essere affrontato nel migliore dei modi. Dal canto tuo però, se soffri di dolore alle ginocchia, quale che ne sia il motivo, puoi cercare di lenire la sofferenza con rimedi naturali, evitando di ricorrere ai farmaci.

 

 

 

Vuoi sapere come fare? Si tratta di piccoli rimedi casalinghi che puoi applicare senza problemi, perché non hanno controindicazioni ma noterai quanto siano eficaci! Il primo rimedio, il più semplice, consiste nell’applicare sul ginocchio dolorante del ghiaccio. Il ghiaccio serve a restringere le vene e i capillari diminuendo l’infiammazione e di conseguenza il dolore.

Questo rimedio è eficace tanto in caso di semplici contusioni che di patologie di altro genere, ma è da evitare se si soffre di artrite reumatoide.

Il secondo rimedio ti sembrerà più curioso, e consiste nell’applicare sul ginocchio dell’olio di senape, massaggiando bene. La senape stimola la circolazione, e questo diminuisce il dolore.

Infine, puoi provare a mescolare il tuorlo di un uovo con del sale. Applica il composto sul ginocchio, avvolgici intorno una benda e lascia agire per due ore. Ripeti il trattamento più volte al giorno. Questo rimedio è eficace perché tanto nell’uovo che nel sale è contenuto magnesio, che ha il potere di ridurre l’infiammazione e quindi di mandare via il dolore.

Provare per credere!

FONTE

 

Come sbarazzarsi delle formiche dentro e fuori casa con I rimedi naturali

Con l’arrivo del caldo arrivano anche le formiche attratte da briciole e avanzi vari, che costringono ogni donna a riassettare velocemente la cucina sia a pranzo che a cena per evitare che lavello e piani di lavoro ne vengano ’invasi’.

Se in casa ci sono bambini che gattonano, o animali da compagnia è fermamente sconsigliato l’uso di prodotti chimici o in polvere, dal momento che potrebbero accidentalmente essere ingeriti.

Potremmo anche far finta di nulla e lasciarle indisturbate, ma svegliarsi al mattino e trovare la cucina piena di formiche non è il modo migliore per iniziare la giornata, soprattutto se non abbiamo il tempo di provvedere.

Una soluzione per fortuna c’è, anzi ce ne sono diverse e si basano tutte sull’utilizzo di prodotti naturali che funzionano efficacemente come repellenti contro le formiche.

Quelli che vi proponiamo agiscono addirittura dopo una sola notte, e al mattino non avrai più sorprese indesiderate!

Aceto

In un flacone spray versa metà acqua e metà aceto. Spruzzare dove sono state avvistate le formiche. Questa soluzione è buona anche per gli esterni.

Limone

Se le formiche hanno resistito all’aceto, puoi provare lo stesso trucco con l’acido citrico del limone, usa metà succo di limone e metà acqua e metti il  tutto in uno spruzzino. Spruzza nei luoghi dove hai avvistato le formiche

Amido di Mais

Le formiche non possono digerire l’amido di mais, quindi si allontaneranno dal pericolo se lo cospargeremo lungo le pareti del loro percorso

Fondi di caffè

Il caffè non piace alle formiche: piazzare dei fondi di caffè usati in punti strategici è quindi un ottimo rimedio

Sale grosso

Per mantenere alla larga le formiche, cospargi il perimetro del pavimento con del sale. Mettilo vicino alle finestre e tutte le aperture che portano a casa. Se vuoi essere sicura di non vedere più formiche in giro fallo senza dimenticare finestre e davanzali, armadi, buchi nel pavimento, pareti, ecc. 

Il sale respinge le formiche 
ed è sicuro per l’ambiente.

Gesso

Il gesso è off-limits per le formiche: esse non attraversano una linea tracciata con un gessetto a terra, puoi quindi disegnare una linea di gesso sul loro percorso abituale per sbarrarlo, e delle linee su davanzali, finestre e tane per evitare che ti entrino in casa.sr

Sono soli in ascensore – ma ciò che la telecamera riprende si è diffuso in un battibaleno!

Il poliziotto Tony Scherb, sceriffo in pensione di El Paso, si è ritirato recentemente dopo ben 29 anni di lavoro. Tony, da sempre considerato una persona molto professionale, ha deciso di lasciarsi un po’ andare di dire addio alla centrale della polizia in grande stile. E per fortuna le telecamere hanno ripreso il tutto.

Da quando il video è stato pubblicato, ha ricevuto più di 3 milioni di visualizzazioni e persone provenienti da tutto il mondo hanno amato la performance di Tony. Noi crediamo che sia un bene quando un poliziotto decide di divertirsi e di rilassarsi in questo modo, nonostante il suo lavoro sia molto stressante e impegnativo.

 

 

 

 

Vedi questo fantastico video e condividilo con i tuoi amici se anche a te è piaciuto tanto quanto a noi!

L’abbandono è la ferita più profonda

L’abbandono del proprio partner, dei propri genitori durante l’infanzia o persino della stessa società è una condizione che genera una ferita che non si vede, ma che brucia, giorno dopo giorno. È come se una radice fosse stata strappata e un legame infranto, lì dove un tempo fiorivano le nostre emozioni e la nostra sicurezza.

Ebbene, esiste un aspetto importante da tenere a mente: con il termine abbandono non si fa riferimento solo ad un’assenza fisica. La più comune forma di abbandono riguarda la scomparsa di un’autenticità emotiva che lascia spazio al disinteresse, all’apatia e alla freddezza. Questa sensazione di vuoto non ha età, qualsiasi bambino la può percepire, qualsiasi adulto ne può essere devastato.

Esiste la convinzione che per capire cosa si provi ad essere abbandonati, bisogna provarlo sulla propria pelle. Ma nessuno si merita di essere abbandonato, perché ogni assenza porta a perdere una parte di se stessi, e nessuno dovrebbe arrivare a soffrire tanto.
Condividere

Le implicazioni psicologiche che derivano da un’infanzia segnata dall’abbandono di solito sono piuttosto gravi. Nonostante ogni bambino affronti gli eventi a suo modo, probabilmente in ciascuno di essi rimarrà l’impronta del trauma. Ma non basta il tempo per curare i traumi, serve la capacità di affrontarli nel giusto modo. Si tratta di una battaglia intima e personale che in molti stanno vivendo proprio in questo stesso istante…

barca-alla-deriva

L’abbandono: come barche alla deriva

Il sentimento di abbandono può assume svariate forme. Siamo come barche alla deriva quando, per esempio, perdiamo il lavoro e non troviamo il modo di reinserirci nel mercato lavorativo. Si arena e perde se stesso il bambino che in tenera età viene abbandonato dalla madre o quell’uomo che una sera torna a casa e la trova vuota, abbandonato dalla donna che amava.

Esiste un interessante sito web chiamato Abandonment.net in cui chiunque può esporre la propria esperienza personale legata all’abbandono. In molti trovano terapeutica la possibilità di condividere le proprie vicende e molte testimonianze lasciano intuire un forte trauma vissuto in giovane età: la morte del padre o della madre, un genitore alcolizzato o un’infanzia passata in una solitudine quasi totale.

Essere stati vittime di abbandono durante l’infanzia è un evento determinante per la crescita futura, al punto che gli esperti ne parlano come di una seconda nascita. Se venire al mondo per la prima volta è un fatto doloroso, ma pieno di speranza, nascere per la seconda volta implica trovarsi in un mondo che non ci ama, in cui dovremo imparare a farci valere da soli, costretti a separarci da un cordone ombelicale che ci univa a un cuore, a delle emozioni, a dei bisogni da soddisfare…

 

 

 

Le conseguenze dell’abbandono emotivo

Quando si affronta il tema delle conseguenze di una dimensione psicologica traumatica, è bene sapere dell’esistenza di un alto tasso di varietà. Non tutti interiorizzano ed esprimono il dolore allo stesso modo. Tuttavia, le fasi di sofferenza possono essere riassunte nel seguente modo:

  • Soffrire l’abbandono durante l’infanzia spesso porta allo sviluppo di serie difficoltà nell’intessere relazioni stabili in età adulta. Si proverà facilmente un senso di sfiducia e di vulnerabilità, così come periodi di apatia in cui sarà difficile gestire emozioni come la rabbia o la tristezza.
  • Quando una persona viene abbandonata dal proprio partner o, perché no, dalla società, potrebbe arrivare addirittura a danneggiare se stessa, convincendosi di non meritare di essere felice o di essere amata, pensando di non avere alcuna qualità e abbandonando qualsiasi sogno o obiettivo a cui aspirasse.
  • Possono verificarsi anche problemi di codipendenza nei casi in cui la persona necessita la costante approvazione e riconoscenza altrui, arrivando a sua volta ad offrire troppo agli altri per poi convincersi che quanto ricevuto in cambio non sia sufficiente.
  • Allo stesso tempo, è comune passare per una fase di “reminiscenza emotiva”. Ciò avviene quando qualcosa o qualcuno risveglia i sentimenti di abbandono, e la persona si ritrova nuovamente paralizzata nel suo mondo.

Quelli elencati sono tutti segnali di un grave stress postraumatico che bisogna imparare a gestire.

luce-nel-petto

Come curare la ferita dell’abbandono

La ferita dell’abbandono va curata lavorando in particolare sull’autostima, ma soprattutto imparando a perdonare, a liberarsi di un passato dannoso come se si trattasse di tagliare il filo di un palloncino nero, lasciando che voli via. Naturalmente non è per nulla facile arrivare a questo punto.

  • La terapia della desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (EMDR), per esempio, può rivelarsi utile per individuare e rielaborare pensieri traumatici dell’infanzia. Essa consente alla persona di liberare la mente e il corpo e di aprire il proprio cuore per sollevarlo dalle emozioni.
  • A loro volta, gli psicologi esperti nell’analisi di eventi traumatici suggeriscono l’importanza di imparare a comunicare i propri bisogni emotivi. Attraverso le parole, le vittime riescono ad entrare in connessione con le persone intorno a loro, che le aiuteranno e le sosterranno nella creazione di relazioni più sicure.

mani-unite-sole

Imparare a prendersi cura di sé, ad ascoltarsi giorno per giorno, a lasciar andare a poco a poco l’ira e il risentimento, sono gli elementi essenziali per non essere più prigionieri del proprio passato. La memoria non può cancellare le tristezze di ieri, ma può lenirle e calmarle come le acque di un fiume in piena. Tutto scorre, e nonostante le pietre più fredde e scure rimangano sul fondo, l’acqua passa limpida e pura su di esse. Sta a noi ricominciare…

FONTE

Metti mi piace